chainehumaine.org
Home page > Italiano > Appello ad unirsi alla catena umana di Parigi!

Appello ad unirsi alla catena umana di Parigi!

Tutte le versioni di questo articolo: [Deutsch] [English] [français] [italiano]

Riprendiamo in mano il nostro futuro energetico ! Formiamo una grande catena umana per accerchiare i luoghi del potere francese!

La Francia è uno degli unici paesi europei a non avere cambiato quasi niente alla sua politica energetica dall’incidente di Fukushima. Il nucleare è stato imposto senza nessuno dibattito; ma immaginare nuovi modi di produzione e consumo dell’energia è un affare di tutti!

L’uscita dal nucleare da parte della Francia sarebbe un enorme simbolo che accelererebbe la transizione energetica in tutta Europa. Dobbiamo fare cadere questa fortezza dell’atomo!

L’ 11 marzo 2012, un anno dopo la catastrofe di Fukushima, 60 000 persone hanno formato un’immensa catena umana da Lione ad Avignon per chiedere l’uscita dal nucleare.

Continuiamo cosi per ottenere l’uscita del nucleare!
Per ciò, abbiamo bisogno del sostegno di tutta l’Europa!

Il 9 marzo 2013, raggiungeteci a Parigi per questo evento internazionale per fare pressione s decisionisti politici ed economici!

Il nostro obiettivo: accerchiare i luoghi dove si prendono, senza il parere dei cittadini, le decisioni sul nucleare, per mostrare la nostra volontà di riprendere in mano il nostro futuro. Di fronte al potere del denaro ed alle menzogne dello stato e dell’industria nucleare, possiamo vincere grazie alla forza del numero e della determinazione. Per ciò abbiamo assolutamente bisogno di voi!

Catena umana
In solidarietà con le vittime di Fukushima
e per chiedere l’uscita dal nucleare
Tutte e tutti a Parigi il sabato 9 marzo 2013 a partire dalle 13.30

E’ di fondamentale importanza la presenza italiana non solo in sostegno alla lotta quotidiana del popolo giapponese contro i nucleocrati che governano il paese e in sostegno degli antinucleari europei nella loro richiesta di arresto immediato e definitivo delle centrali nucleari ma anche per ricordare all’Europa che il popolo italiano ha già detto NO al nucleare nel 2011.

Soutenir par un don